fbpx

Spallarossa Daniele

Spallarossa Daniele

Position: Professore
Organization: Università degli studi di Genova

Liguria area sismica? Certezze e sorprese

La Liguria è da sempre considerata come una regione caratterizzata da una pericolosità sismica medio bassa. In epoca storica terremoti significativi, di magnitudo locale anche superiore a 6, si sono verificati solo in aree limitrofe alla nostra regione: Appennino Nord Occidentale (terremoto della Garfagnana del 1920) e Liguria Occidentale (terremoto di Bussana del 1887). Le informazioni relative a terremoti storici, ovvero “registrati” e risentiti in Liguria negli ultimi 500 anni, rappresentano la principale base dati utile alla definizione della pericolosità sismica che è stata recentemente utilizzata per la redazione di una nuova classificazione sismica del territorio regionale. Le caratteristiche peculiari del fenomeno sismico, caratterizzato sia dalla non prevedibilità del fenomeno stesso ma anche da “tempi di ritorno” del fenomeno che sono estremamente estesi se rapportati alla storia dell’uomo, fanno si che le nostre stime di pericolosità non possano ritenersi completamente esaustive.  Recentemente eventi sismici significativi, superficiali e caratterizzati da una magnitudo superiori a 4, si sono verificati nell’entroterra di Genova (comuni di Davagna e Bargagli) ove non esistono evidenze storiche di fenomeni sismici importanti negli ultimi 500 – 600 anni: in alcune località prossime all’epicentro sono stati registrati lievi danni mentre risentimenti importanti sono stati registrati nell’area urbana di Genova.  Eventi sismici inattesi ci sorprendono ma ci rammentano che i fenomeni geologici agiscono su scale di tempo a noi estranee.

REPLAY