VENERDÌ 27 NOVEMBRE

14.30 - 16.00
Conferenza in streaming

La mobilità personale leggera: micromobilità e bike economy

* L’Ordine degli Architetti riconosce 2 CFP per la partecipazione al seminario

* L’Ordine degli Ingegneri di Genova riconosce 2 CFP per la partecipazione al seminario.

La crisi pandemica ha riportato i mezzi individuali al centro della mobilità urbana. Il gap di fiducia nei confronti del trasporto collettivo, infatti, oltre a essere lontano dall’essere superato, resta costantemente in pericolo di riaprirsi. Il fenomeno dominante è l’affermazione della trazione elettrica come piattaforma tecnologica che però deve e fare fronte all’atteggiamento delle persone. Non ultima quella nei confronti dei costi, che non si limita a quello dei veicoli ma deve tenere conto di quelli di gestione e del valore dell’usato, fattori che guidano le decisioni di acquisto anche dei privati.

LA MOBILITÀ PERSONALE LEGGERA: MICROMOBILITÀ E BIKE ECONOMY

La vera sorpresa tecnologica degli ultimi cinque anni è la micromobilità. In pochissimi avevano previsto la convergenza tra sistemi di alimentazione compatte, motori a magneti permanenti leggeri e potenti, sensoristica e controlli elettromicromeccanici ed elettronici a basso costo. Con il Covid-19, molte amministrazioni hanno visto nella micromobilità uno strumento gestito da privati e necessitante di un minimo di infrastrutture (due strisce sull’asfalto) per risolvere la crisi del trasporto collettivo. Troppo presto per capire se sarà effettivamente così, specie se il mezzo non verrà integrato in modo credibile in servizi centrati sull’itinerario. Il boom della micromobilità nuova ha trascinato quello delle e-bike, con la conversione di ciclisti tradizionali ma anche con nuovi adepti. 

MAIN TOPICS

  • Il ruolo delle amministrazioni locali nella micromobilità
  • Infrastrutture per la mobilità leggera: dalla pista ciclabile a….
  • e-Bike: non una semplice bicicletta elettrica ma un nuovo veicolo con nuovi utilizzatori
  • Micromobilità elettrica: monopattini e oltre
  • Silver micromobility?
  • Bike economy, un fenomeno sommerso ma di grande rilievo per il territorio

DETTAGLI

Chairman: Massimiliano Lussana, giornalista, direttore, la Puntina.it

Micromobilità in sharing: i dati del 4° Rapporto nazionale sulla sharing mobility
Luca Refrigeri, Analista mobilità sostenibile, Fondazione per lo sviluppo sostenibile

Il settore bici in Italia, produzione, nuovi interventi legislativi, prospettive future
Romolo Solari, Presidente, FIAB Genova

Bike economy
Paolo Pinzuti, Bikenomist

Intervento a cura di Giuseppe Estivo, Funzionario, Comune di Torino

BICIPLAN  – Piano urbano della mobilità ciclistica della Città Metropolitana di Genova
Cristiana Arzà, Responsabile Ufficio Pianificazione Strategica, Città Metropolitana di Genova 

TO.TEM: Come innovare la micromobilità partendo dall’automotive
Massimiliano Melis, CTO, TO.TEM

“Rete di scuole per la mobilità sostenibile nella didattica” – rete e-mobility
Claudio Cavallotto, Docente, IIS VALLAURI-Fossano
Marco Terzi, Docente, IIS FERRARIS/PANCALDO-Savona

Ciclabilità: tra top-down e bottom-up

I movimenti dal basso per la ciclabilità
Giacomo D’Alessandro, Membro Coordinamento e Comunicatore, Rete Genova Sostenibile

L’alba di una #genovaciclabile
Alessandra Repetto, Fondatrice movimento #genovaciclabile

La forza dei movimenti dal ‘basso’ per la ciclabilità a Genova: proposte e progetti, eventi e azioni concrete
Carol Trucco, membro Gruppo Tecnico, FIAB Genova

Rilanciare le eccellenze italiane: Cultura, Identità e Tradizione con un nuovo approccio e un nuovo formato di ospitalità
Mauro Polticchia, Vicepresidente, Emozione Italia

 

* in attesa di conferma